Scoliosi: cos’è, sintomi, cause e cura

La scoliosi è una patologia che colpisce la colonna vertebrale. Negli ultimi anni, sono aumentati i casi di scoliosi su persone giovanissime, che già dagli 11 anni accusano mal di schiena, disturbi alla colonna vertebrale e altri dolori legati alla schiena. In questo articolo, analizziamo nel dettaglio di cosa si tratta, perché e come si manifesta e quali sono le migliori cure per guarirla.

Scoliosi: cos’è?

La scoliosi è una patologia muscolo scheletrica che coinvolge la colonna vertebrale, che presenta un’anomala curvatura laterale.

E’ un disturbo che non guarisce in modo spontaneo, ma necessita di trattamenti e terapie specifiche.

La scoliosi può interessare persone di ogni età, anche se le statistiche degli ultimi anni parlano chiaro: i soggetti colpiti, sono sempre più giovani.

Su un campione di 1.000 soggetti di un’età compresa tra gli 11 e i 15, cinque vengono colpiti dalla scoliosi.

Nella maggior parte dei casi, la causa principale – escluso il fattore ereditario – è la cattiva postura che si assume mentre si guarda lo smartphone o mentre si sta al PC. A questo si aggiunge la sedentarietà e la quasi totale assenza di attività fisica.

I sintomi

I sintomi più comuni che compaiono con la presenza di una scoliosi in corso, sono:

  • Una visibile curvatura della colonna vertebrale
  • Asimmetria delle spalle
  • Busto che pende da un lato
  • Costole che sporgono da un lato
  • Spalla o anca sporgente rispetto al profilo del corpo
  • Mal di schiena frequente
  • Vestiti che non si adattano bene al corpo

Alcuni pazienti accusano dei sintomi secondari meno frequenti, come:

  • Disturbi cardiaci e difficoltà respiratorie
  • Stitichezza causata dall’irrigidimento degli organi dell’apparato digerente
  • Difficoltà motorie
  • Dismenorrea (mestruazioni piuttosto dolorose)

Le cause

Nell’85% dei casi, la causa della scoliosi è totalmente sconosciuta, e in questi casi viene definita scoliosi idiopatica.

La scoliosi idiopatica viene diagnostica dopo aver escluso delle possibili lesioni o infezioni alla colonna vertebrale.

Questo tipo di patologia non si può prevenire, e non è legata alla sedentarietà, la cattiva postura, una dieta sbagliata o l’assenza/eccessiva attività fisica.

Le cause della scoliosi vengono suddivise in “strutturali” e “non strutturali”.

Scoliosi strutturale

La scoliosi strutturale è una curvatura sulla quale i medici intervengono in maniera diversa, in base al tipo di paziente.

A volte è correlata ad un’altra malattia o sindrome, come la sindrome di Marfan (malattia ereditaria del tessuto connettivo).

In altri casi, invece, è una patologia indipendente, e può essere causata da:

  • Malattie neuromuscolari come poliomelite, paralisi cerebrale o distrofia muscolare
  • Malformazioni neonatali come l’emivertebra (lato della vertebra che non si sviluppa normalmente durante la gestazione)
  • Lesioni
  • Infezioni
  • Tumori come quelli causati dalla neurofibromatosi
  • Patologie del tessuto connettivo
  • Disturbi metabolici
  • Problemi reumatici

Scoliosi non strutturale

Nella scoliosi non strutturale, o funzionale, la spina dorsale presenta una struttura normale, e manifesta una curvatura temporanea che si sistema nel tempo.

La scoliosi non strutturale è causata da una patologia già presente, come le gambe di lunghezza differente, spasmi muscolari o malattie infiammatorie come l’appendicite.

La cura, in questo caso, è la correzione del problema che la causa.

La cura

In molti soggetti di giovane età, le curvature sono così lievi da non richiedere un intervento correttivo.

Al contrario, è necessaria una terapia ortopedica che, generalmente, viene suggerita dal medico di base a seconda di diversi fattori, quali:

  • Età
  • Crescita
  • Gravità
  • Tipologia di curvatura
  • Tipologia di scoliosi

Le cure alternative sono solitamente tre, e vengono classificate come:

  • Vigile attesa: uno specialista segue il paziente senza consigliare nessuna terapia in particolare, monitorando la crescita del paziente ogni 4-6 mesi se è ancora nella fase della crescita e la curvatura è minore di 25°.
  • Tutore ortopedico: il medico consiglia al paziente di ricorrere ad un supporto ortopedico, come il busto o il corsetto, per impedire che la curvatura peggiori. Il tutore viene consigliato nel caso in cui il paziente è ancora nella fase della crescita ed ha una curvatura maggiore di 25° che sta peggiorando. Quando il paziente è alla fase finale della crescita, l’indicazione di indossare un tutore ortopedico dipenderà dall’eventuale peggioramento e estensione della curvatura.
  • Intervento chirurgico: il medico consiglia la chirurgia in caso di grave curvatura, per interrompere il peggioramento di essa. La curvatura deve essere maggiore di 45°.

Nei soggetti adulti, può essere necessario ricorrere ad una terapia farmacologica per alleviare i dolori e, più raramente, ad un intervento di chirurgia.

Soffri di mal di schiena a causa della tua scoliosi? La fisioterapia può aiutarti a sconfiggere i fastidiosi ed invalidanti sintomi della parestesia!

Reability Milano e la sua squadra di esperti, ti aiuterà a trovare il programma di esercizio più adatto alle tue esigenze.

Chiedi informazioni o prendi un appuntamento compilando il form che trovi nella sezione “Contatti”, ti risponderemo al più presto.

Persone foto creata da kjpargeter – it.freepik.com

2019-05-31T10:32:50+00:00

Scrivi un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.